giovedì 2 marzo 2017

Recensione: 99 giorni di K.A. Tucker

Buondì a tutti amici lettori.
Questa è la prima recensione del mese che vi propongo e ho iniziato subito con un libro che avevo nel mio Kobo ma da un pò ma non trovavo mai il momento giusto per leggerlo. Adesso, complice la bella challange di Chiara La Lettrice sulle nuvole ho deciso di riprendere in mano e sono felice di averlo fatto.

Trama

Abbandonata nella campagna dell’Oregon, dove la credono morta, una giovane donna sfida ogni previsione e sopravvive, ma quando si sveglia non ha alcuna idea di chi sia, o di cosa le sia successo. La donna si dà il nome di Acqua, per un piccolo tatuaggio che scopre sul suo corpo, il solo indizio di un passato che non ricorda. Accolta da Ginny Fitzgerald, una signora irascibile ma gentile che vive in una fattoria, Acqua comincia lentamente a ricostruire la propria vita. Ma mentre cerca di rimetterne insieme i frammenti, altre domande si fanno strada nella sua mente: chi è il vicino di casa che in silenzio lavora sotto il cofano della sua Barracuda? Perché Ginny non gli fa mettere piede nella sua proprietà? E perché Acqua sente di conoscerlo? Jesse Welles non sa quanto tempo ci vorrà prima che la memoria di Acqua riaffiori. Per il suo bene, Jesse spera che non accada mai. Per questo cerca di tenersi alla larga da lei. Perché avvicinarsi troppo potrebbe far riemergere cose che è meglio lasciare sepolte. Ma si sa, l’acqua trova sempre una strada per tornare in superficie.

Conoscendo già l'autrice per la sua bellissima saga cominciata con Dieci Piccoli respiri, mi sono lasciata trasportare con piacere in questa sua nuova storia.


E' una storia forte, pungente che regala emozioni allo stato puro e lo fa nel modo più semplice possibile. Quest'autrice è capace di parlare di argomenti delicati, taglienti, profondi e lo fa senza mai esagerare. Ci mostra come il mondo sia un posto non solo di cose brutte, ci fa vedere che nella vita ci sono anche le cose belle ma soprattutto le persone buone, quelle che ci amano e ci sostengono. Proprio grazie a queste persone il mondo diventa migliore.

La storia è raccontata da Acqua e da Jesse e fin qui non ci sarebbe niente di anormale perchè molti libri lo fanno, ma la Tucker ha aggiunto un particolare in più. Si perchè mentre il pov di Acqua lo leggiamo al presente, quello d Jesse è al passato. All'inizio si può pensare ad un errore perchè non c'è nessun riscontro tra i due, sembra anzi che non si conoscano neppure ma poi si capisce bene perchè (abbastanza in fretta direi) e ha tutto un senso.
Mi è piaciuto molto questo nuovo modo di raccontare e ho apprezzato tantissimo la storia dei due giovani ragazzi che si incontrano per caso e che cambieranno le loro vite.

Acqua è un personaggio che scopriamo solo nel corso della storia, perchè lei non ricorda assolutamente nulla della sua vita. La sua vita non è stata facile e il cervello ci aiuta cancellando i ricordi più dolorosi, è quello che è successo ad Acqua ma cosa strana lei non ricorda praticamente nulla.Non conosce nemmeno il suo nome e decide di scrivere Acqua sul suo nuovo documento d'identità perchè sente che l'acqua è qualcosa che la fa sentire bene.
La sua è quindi una storia di rinascita, ha avuto la fortuna di avere una seconda possibilità e non è da tutti. Ha avuto la fortuna di avere accanto persone che tenevano a lei e che le hanno permesso di vivere una seconda vita dove potrà finalmente essere felice.

Jesse è un personaggio che rispecchia ala perfezione il bravo ragazzo. Ogni sua azione, ogni gesto che compie lo fa solo perchè crede di essere nel giusto. Non sempre compie le scelte giuste, ma la motivazione è sempre quella giusta. Ha la fortuna di avere alle spalle una famiglia unita che lo supporta e lo aiuta sempre e quando la sua vita si intreccerà a quella di Acqua, saprà che può contare su di loro.

Ma questa non è solo una storia d'amore, è anche una storia di dolore, di ricerca, di coraggio e di nuove possibilità. Un personaggio che mi ha colpito è stato quello di Ginny la donna che ospita Acqua a casa sua, può sembrare pazza e con qualche rotella fuori posto ma il suo passato è tormentato come quello di Acqua e a me ha fatto molto tenerezza. E che dire dello sceriffo Gabe, un uomo integerrimo nel suo lavoro che però non esita un solo secondo ad aiutare il figlio mettendo a rischio la sua stessa carriera. Un esempio di genitore che andrebbe solo valutato positivamente. Un personaggo il suo che andrebbe come esempio a molti. Ho adorato questi personaggi secondari che però danno tantissimo valore alla storia e di cui non potevo non parlarne.

Non dico oltre per non spiegare troppo, ma è una storia che mi è piaciuta molto. La lettura è scorrevole, anzi mi è costata quasi fatica staccarmi dalle pagine e questa è un'abilità dell'autrice che già conoscevo.
Il titolo però non l'ho sinceramente capito anche se posso supporre si riferisca ai giorni che ha trascorso in ospedale, ma sinceramente potevano scegliere di meglio.

Ringrazio la Newton per avermi spedito una copia digitale del libro

Valutazione 4/5





16 commenti:

  1. Che bella recensione! Si vede che ti è proprio piaciuto. Io ce l'ho in Wish list da un po' ma ancora non ho preso il libro. Spero di riuscire prossimamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chicca, appena lo leggi sono curiosa di sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  2. Ho adorato questo libro *.*

    Il titolo credo anche io si riferisca ai giorni in ospedale perché dice che sono circa tre mesi 🤔 Potevano fare meglio, sicuramente col secondo romanzo come titolo si avvicina di più alla storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lily,
      Si è l'unica spiegazione per il titolo. Ora sono molto curiosa per il secondo

      Elimina
  3. Ciao Susy, ho sentito parlare spesso di questo romanzo e anche molto bene, non mi resta che aggiungerlo in wish list ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel, aggiungi, aggiungi :)

      Elimina
  4. L'ho preso l'anno scorso, è da un sacco nella mia libreria virtuale, devo leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho fatto così Claudia, l'ho letto dopo tanto e ora so che avrei dovuto farlo prima

      Elimina
  5. ho amato molto l'altra serie sua, questo non l'ho ancora letto ma vorrei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggi, leggi Chiara perchè è proprio una bella storia

      Elimina
  6. Ciao Susy!
    Aspettavo proprio la tua recensione e mi è piaciuta moltissimo!! Comincerò anch'io con "Dieci piccoli respiri" e poi mi tuffo su questo!! :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jasmine ciao!
      bravissima e buona lettura ;) aspetto con curiosità di sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  7. Bellissima recensione come sempre Susy ;-) Sono molto curiosa di leggere questo libro infatti è in WL da un bel po' :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia :)
      io l'ho letto decisamente in ritardo perchè ce l'avevo da un bel pò in attesa e alla fine l'attesa ha premiato :)

      Elimina
  8. Ciao susy,
    io adoro la Tucker e sono felice che sia piaciuto anche te questo libro. Ho sul kindle che aspetta di essere letto "La ragazza che amava la pioggia", ma da molti è considerato un pò sottotono rispetto agli altri romanzi di questa autrice e sono un pò indecisa se leggerlo subito o aspettare un attimo!
    Comunque come sempre la pensiammo allo stesso modo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Frency.
      Si adoro anch'io quest'autrice e questo libro mi è piaciuto molto. Il suo stile si vede.
      Riguardo all'altro lo sto terminando in questi giorni e per ora posso dirti che effettivamente mi aspettavo qualcosa di diverso

      Elimina