giovedì 21 settembre 2017

Recensione: La musa della notte di Sara Simoni

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi voglio parlarvi di una storia che non è proprio il mio genere preferito, eppure quando l'autrice mi ha contattata per poter leggere il suo libro devo dire che la trama mi ha molto incuriosita e adesso posso dire di aver fatto bene a leggere il suo libro: Grazie Sara.

Trama

In una milano piena di incanto e di mistero, due fazioni sono impegnate in una lotta segreta da un tempo antichissimo: le streghe, donne dotate di terribili poteri magici, e i loro cacciatori naturali, gli inquisitori, uomini che di generazione in generazione si tramandano il compito di proteggere la popolazione dalla magia. Ma qualcosa comincia a cambiare quando nelle aule di un'università la strega Viviana e l'Inquisitore Arturo si incontrano come due normali studenti. L'attrazione è forte, ma nè Viviana nè Arturo possono dimenticare chi sono e da dove vengono. 

Una lettura molto coinvolgente fin da subito, siamo in una Milano contemporanea dove esistono streghe e cacciatori, dove la magia e chi crede in queste cose è all'ordine del giorno.

La storia si alterna tra il pov di Viviana e quello di Arturo, due giovani ragazzi che quando si conoscono non sanno nemmeno chi siano veramente. Mi sono piaciuti subito entrambi sia insieme sia singolarmente, li trovo dolci e veri qualità rara in un mondo come il loro dove i pregiudizi regnano sovrani.
Arturo è il primo che confessa il suo vero lavoro senza neanche lontanamente immaginare che Viviana sia la persona a cui lui tecnicamente dovrebbe dare la caccia.
Viviana vorrebbe confessargli la verità, ma per timore di rovinare quello che sta nascendo tra loro, tace e quando la verità viene a galla il loro rapporto comincia ad avere un conto alla rovescia. E' inevitabile che la loro storia non prosegua, come potrebbe d'altronde. Gli Inquisitori danno la caccia alle streghe da un tempo lunghissimo e le streghe non possono innamorarsi degli umani perchè non li capiscono fino in fondo. Nessuno crede neanche per un momento che questa storia proseguirà e per un attimo nemmeno loro stessi ci credono, almeno finchè non si rendono conto che non importa chi sono e cosa rappresentano perchè l'amore non guarda queste cose, l'amore nasce all'improvviso e non si controlla ma cresce e germoglia fino a diventare forte e con radici profonde.

Arturo e Viviana sono ancora giovani, inesperti ma quello che provano è maturo, vero e reale e loro lotteranno come possono per tenere unito quel sentimento da tutti sottovalutato perchè non importa l'età, le persone, l'amore quello vero vince su tutto e su tutti.



Una storia molto carina che non parla solo di una storia d'amore, ma di molto altro. Attraverso altri personaggi che ci accompagnano nel cammino della conoscenza, scopriamo questi personaggi non sempre bravi come gli Inquisitori, conosciamo le streghe sotto un'altra forma e siamo immersi in un'atmosfera reale e attuale che rende la lettura ancora più scorrevole.
Ho apprezzato lo stile lineare e semplice dell'autrice che riesce a rendere la lettura scorrevole e di facile interpretazione sebbene tratti argomenti che potrebbero apparire troppo dettagliati, invece lei riesce a rendere tutto molto interessante. Non mancano colpi di scena, verità nacoste, bugie tenute troppo a lungo nascoste e un colpo di scena finale.
Non pensavo, ma questa storia mi è piaciuta molto. Ho apprezzato entrambi i protagonisti, il loro graduale e lento innamoramento e la loro lotta interiore per comprendere quale fosse la giusta direzione da prendere. Non è stato facile per entrambi, anche se i loro cuori hanno sempre saputo cosa fare e una volta ascoltati, è stato tutto più facile.

Unica pecca, se così possiamo chiamarla, il libro non è autoconclusivo perchè fa parte di una triolgia e quindi lascia un pò col fiato sospeso in attesa di scoprire cosa succederà. Da quello che ho letto a fine del libro, nella prossima storia ci saranno nuovi personaggi adesso già conosciuti e confesso che sono molto curiosa di leggerli.

Valutazione 4/5










8 commenti:

  1. Sono rimasta incantata dalla copertina!
    Leggendo la tua recensione però si capisce che anche il testo merita sul serio!
    Però mi frena il fatto che sia una trilogia, in questo periodo prediligo libri unici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella vero Claudia?
      Si hai ragione le triologie a volte scocciano, questo libro però mi ha colpito davvero in modo positivo e se ti piace il genere, ti piacerà di certo

      Elimina
  2. Anch'io ho avuto il piacere di leggerlo. Mi è piaciuto moltissimo ☺☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora corro a leggere la tua recensione Gresi!

      Elimina
  3. Ciao Susy! Di solito non leggo libri di questo genere ma quando sento parlare di streghe e magia allora mi incuriosisco subito.
    La trama è molto carina, peccato che non sia autoconclusivo perché non amo le serie ma non dubito di farci un pensierino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIao Maria,
      è molto interessante di certo.
      Le triologie piacciono poco anche a me anche se ne siamo del tutto sommersi

      Elimina
  4. Risposte
    1. Si lo è! Adesso conto di leggere in fretta il secondo :D

      Elimina