martedì 20 marzo 2018

Recensione: Fai piano quando torni di Silvia Truzzi

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi mi sono svegliata con una gran voglia di dolce😝. Sapendoche non dovevo scendere prestissimo, ne ho approfittato per fare un bel dolce.
Forse non ve l'ho ancora detto, ma io sono completamente negata in cucina però mi piace moltissimo fare i dolci forse perchè sono parecchio golosa ma questo sicuramente lo sapete 😋
La foto che vedete l'ho pubblicata su Istagram già il mese scorso, questo perchè stamattina la foto mi è venuta sfocata per non so quale motivo. Ho pensato quindi di utilizzare questa, dal momento che sul blog non l'avevo ancora messa tanto il risultato finale alla fine è lo stesso.
E' un dolce alle arance che personalmente adoro.
A voi piace fare dolci? E il dolce alle arance vi piace?
Ma adesso è meglio se andiamo all'argomento del giorno, altrimenti diventa una rubrica dolciaria questa😂 e invece ci tengo a parlarvi dell'ultimo libro che ho letto. Una storia di un'autrice che non conoscevo e che si è rilevata una gradevole lettura.

Trama

Margherita ha 34 anni e un lavoro che ama. E' bella, ricca ma disperatamente incapace di superare sia la scomparsa dell'adorato papà, morto all'improvviso otto anni prima, sia l'abbandono del fidanzato che l'ha lasciata senza troppe spiegazioni. Dopo un grave incidente d'auto si risveglia in ospedale. Qui incontra una signora anziana che da poco è stata operata al femore. Anna, oggi settantaseienne - nata poverissima, "vendta" come sguattera da bambina - ha trascorso la vita in compagnia di un marito gretto e di una figlia meschina, eppure ha conservato una gioia di vivere straordinaria. Merito delle misteriose lettere che, da più di mezzo secolo, scrive e riceve ogni settimana. I mondi di queste due donne sono lontanissimi: non fossero state costrette a condividere la stessa stanza, non si sarebbero mai rivolte la parola. Dopo i primi tempestosi scontri, però, fuori dall'ospedale il cortocircuito scatenato dalla loro improbabile amicizia cambierà in meglio la vita di entrambe.
Ringrazio la Longanesi per avermi inviato una copia digitale in omaggio.
Ammetto di essere stata colpita dalla storia delle lettere appena ho letto la trama. Amo i libri sulle lettere e ancora di più per una mia motivazione personale che riguarda una mia storia... ma di questo ve ne parlerò quando sarà il momento, precisamente a maggio😍
Adesso però è arrivato il momento di parlarvi del libro che, come vi dicevo, è stata una piacevole lettura.

La voce narrante è Margherita, Margi, una donna che conduce una vita invidiabile senza problemi economici, una madre che la adora e un lavoro fisso. Cosa le manca? Beh è facile. Le manca l'amore. Si, perchè il suo ormai ex fidanzato le ha detto un bel giorno di non amarla più e a Margi è crollato il mondo addosso. Soffre ancora la mancanza di suo padre e questo ennesimo colpo al cuore, non le fa bene. Si sente demoralizzata, stanca e poco incline all'ottimismo. E' per questo che non capisce come la sua compagna di stanza in ospedale, la signora Anna, sia sempre piena di vita, allegra e chiacchierona anche se conduce una vita sola.
Sono così diverse che mai si penserebbe che tra le due scatti un'amicizia. Se Anna è solare, socevole e allegra, Margi è triste, introversa e chiusa. L'età che le separa è tanta e poi hanno vissuto due vite completamente diverse quindi in realtà non hanno proprio niente in comune se non quella stanza d'ospedale che per un pò le vede coinquiline. Sarà proprio quella stanza galeotta per la loro sincera amicizia che le vedrà protagoniste di una bella avventura insieme.
Sì perchè Margi si appassiona alle lettere dell'innamorato di Anna e accetta ben volentieri di aiutarla, senza immaginare che così facendo mettere ordine anche nella sua vita. Succede tutto quasi in modo inconsapevole ma il percorso di crescita di Margi è notevole.


Ammetto di aver avuto qualche difficoltà con il suo personaggio, perchè Margi appare come una protagonista sempre arrabbiata con la vita e poco simpatica. In un libro in cui la voce narrante è solo la sua, già immaginavo di immergermi in una storia noiosa e deprimente e invece non è stato così.
Grazie ad Anna, Margi cambia e in meglio. Comincia a cambiare e a volersi anche bene perchè era un pò quello che le mancava, voler bene a se stessi a volte è una cosa che diamo per scontata invece è importantissimo se vogliamo vivere bene.
Anna, dal canto suo, si affeziona a Margi come se fosse davvero sua figlia e lo fa in maniera dolce e gentile senza mezzi fini perchè ha visto in lei qualcosa che nemmeno Margi vedeva: la possibilità di essere migliore.
Ho amato il personaggio di Anna. Una donna da cui si dovrebbe trarre esempio. La sua vita non è stata facile, ha dovuto sopportare molte cose brutte prima di raggiungere una stabilità eppure non ha mai mollato. Non si è mai arresa e con calma ha ripreso in mano le redini della sua vita con una grinta e una determinazione da ammirare.
La sua storia d'amore è stata dolce e tenera e come Margi anch'io mi sono appassionata alla sua storia. Certo avrei preferito un epilogo diverso per loro, sia nel passato sia nel presente ma questo libro insegna che a volte la vita sceglie percorsi diversi da farci vivere e forse la strada di Anna e del suo amore doveva andare per forza così altrimenti Anna non avrebbe mai incontrato Margi e lei non avrebbe mai capitato tante cose.
Un libro molto carino, una storia semplice che però cela molti insegnamenti e molte riflessioni e grazie alla scrittura scorrevole si legge davvero in fretta.
Piccola cosa che poi mi ha fatto apprezzare di più il libro anche se sono di parte, si parla di Napoli perchè il primo amore di Anna è napoletano e quindi leggerlo mi ha inevitabilmente fatto sorridere tanto.


Valutazione 4/5




6 commenti:

  1. Wow! Sono quasi pentita di npn averlo letto ma...posso rimediare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata proprio una bella lettura e penso proprio che potrebbe piacerti ^_^

      Elimina
  2. mi piace quando nei libri mettono le lettere, mi incuriosisce proprio come stile.
    PS io amo i dolci, sono super golosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche a me, tantissimo!
      Due golosone ^^

      Elimina
  3. Sarà una delle mie prossime letture. Mi ha colpito trama e titolo, ma sono felice di aver letto la tua recensione perché ora non vedo l'ora di iniziarlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiosissima allora di sapere se ti piacerà Maria!

      Elimina