giovedì 20 luglio 2017

Recensione: P.S. I love you di Kasie West

Ciao a tutti amici lettori.
Il mese prossimo ci sarà finalmente un pò di pace col tram tram quotidino e sinceramente non vedo l'ora. Spero di avere più tempo per leggere, soprattutto se sono letture leggere e carine come questa che vi propongo oggi.

Trama

Il sogno di Lily è comporre canzoni. Scrive versi ovunque le capiti. Anche durante le lezioni che proprio non riesce a digerire, per esempio quelle di chimica. Almeno fino al giorno in cui, richiamata per la sua disattenzione, dal suo banco sparisce qualsiasi oggetto possa distrarla: tranne un foglio per prendere appunti. Ma la sua passione è più forte di tutto. E così Lily inizia ad appuntare versi sul banco, sperando che nessuno se ne accorga. Qualcuno però la scopre. Qualcuno che legge quel che lei scrive e aggiunge parole alle sue, sul banco. A ogni lezione di chimica, tre volte a settimana. Quella che nasce tra Lily e il suo misterioso interlocutore è una vera e propria corrispondenza, che la entusiasma, le dà energia e la spinge a trasformare quelle frasi in testi di vere e proprie canzoni. La magia sembra interrompersi quando Lily scopre che il suo corrispondete è Cade, un ragazzo che lei ha sempre profondamente detestato...
Il titolo magari può trarre ad inganno per un libro con lo stesso titolo ma con la storia completamente diversa.
Ho letto P.S. I love you di Cecelia Ahern e mi è piaciuto tantissimo, non ho avuto ancora il tempo di recensirlo ma spero di farlo a breve. Questo libro con lo stesso titolo racconta una storia molto diversa ma con le lettere che hanno un'importanza fondamentale.

mercoledì 19 luglio 2017

Speciale Rare 18 Roma

Buon pomeriggio amici lettori.
Si lo so di solito non posto due volte lo stesso giorno, ma stavolta c'era qualcosa che era il caso di condividere e quindi eccomi di nuovo qui con voi per parlare del Rare.


L'ho visto in giro un pò ovunque e ho pensato che fosse giunto il tempo di parlarne anch'io nel mio angolino.
Cos'è il Rare? E' un evento a cui parteciparanno molti autori che si terrà a Roma sabato 23 giugno 2018.
Di solito questi eventi ci sono sempre al nord e anche se mi piacerebbe andare, evito sempre. Adesso invece quando ho letto Roma ero felice, perchè tra casa mia e Roma non c'è tantissima distanza e poi c'è un anno di tempo per organizzarsi no?
Ma andiamo a vedere nel dettaglio tutte le informazioni.

Recensione: La dolcezza può far male di Daniela Volontè

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi avrei dovuto postare le nuove uscite librose, ma prima però volevo parlarvi di un libro che ho letto tutto d'un fiato e che la Newton mi ha gentilmente inviato in formato digitale. Grazie!
Daniela Volonté non è solo una brava autrice ma è anche una persona gentile. Su fb ho visto che chiedeva se c'era qualcuino disposto a  leggere il suo ultimo libro e ovviamente mi sono subito dichiarata pronta perchè ho letto tutti i suoi libri ed ero curiosa di questo suo nuovo lavoro.

Trama

Jack Lang è uno scrittore di gialli di fama internazionale e nonvuole mai comparire in pubblico. Dietro al suo pseudomino si nasconde Gabriele Neri, un uomo la cui esistenza è stata stravolta dal diabete e dalla mancata accettazione della sua nuova condizione.Cassandra Accorsi divide l'appartamento e il lavoro con la sua migliore amica, Elisa. E' una web designer e il suo ufficio si trova tra il suo salotto e la cucina. Cassandra ha paura di viaggiare da sola e quando, per cause di forza maggiore, deve partire da Roma alla volta di Milano, accetta di condividere l'auto con una compagna di viaggio. Peccato che invece di una ragazza, sarà Gabriele a rispondere al suo annuncio. Arrivati a Milano, dopo un viaggio disastroso, entrambi sono più che felici di dirsi addio, ma il destino ha deciso di rimescolare le carte, e per entrambi ha in serbo una sorpresa.
Comincio subito col dire che questa storia si differenzia molto dalle sue precedenti perchè è una storia più breve e molto, molto semplice.

martedì 18 luglio 2017

Recensione: La cosa più bella che ho di K.A. Tucker

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi voglio parlarvi di un'autrice che mi piace molto. Il primo libro di questa saga 99 giorni mi era piaciuto molto, mentre il secondo La ragazza che amava la pioggia mi ha un pò deluso. (Per leggere le recensioni cliccate sui titoli).
Quindi ero curiosa di conoscere questa sua successiva storia e a lettura ultimata posso dire che questo terzo è stato meglio del secondo, cover e titolo a parte però perchè secondo me potevano fare di meglio.

Trama

Amber Welles ha 25 anni e un gran bisogno di uscire dagli stretti e rassicuranti confini della cittadina dell'Oregon in cui è cresciuta. Quando finalmente, armata dei risparmi di due anni, può partire alla scoperta del mondo, è pronta a tutto. Tranne che a morire a Dublino. Eppure, se non fosse stato per il coraggio di un estraneo, sarebbe finita proprio così. Amber gli deve la vita, ma il ragazzo scompare prima che lei possa ringraziarlo.River Delaney, 24 anni, è molto scosso. Nessuno doveva farsi male. Ma poi è arrivata quella turista americana. Non poteva lasciarla morire, ma non poteva rischiare di essere identificata sulla scena, quindi è scappato. E' tornato alla sua quotidianità, a gestire il pub di famiglia. Ma la vita di tutti i giorni sta diventando sempre più complicato, per colpa di suo fratello Aengus e le sue associazioni a delinquere. Quando la ragazza americana lo rintraccia, River si accorge di essere pericolosamente attratto da lei. E averla intorno è un rischio che non è disposto a correre. La cosa migliore da fare sarebbe allontanarla, ma non è facile respire qualcuno che ossessiona i tuoi pensieri.
La protagonista di questa storia è Amber già conosciuta nel primo libro perchè sorella di Jesse.
Ammetto che il suo personaggio mi aveva incuriosita poco e quindi non ero del tutto entusiasta di leggere una storia sua, tuttavia la lettura è stata piacevole.

lunedì 17 luglio 2017

Rubrica Questi libri no #4

Buon lunedì a tutti amici lettori.
Oggi sono andata al matrimonio di mia cugina che ha organizzato una cosa carinissima.
Il segnaposto di ogni ospite sarà composto da tre libri. Immaginate la mia gioia vero? Originale e molto adatta per chi ama i libri.
Oggi però approfitto della programmazione di blogger e voglio lasciarvi alla mia rubrica dedicata ai libri che non mi sono piaciuti.


Questi libri No è una rubrica a cadenza casuale in cui parlo di tre libri che non mi sono piaciuti e che secondo me meritano un punteggio al di sotto delle tre stelline nella valutazione finale.
Sarebbe bello poter dire che ogni libro che leggiamo, ci è piaciuto ma non è così e quindi ecco il motivo di questa rubrica in cui raggrupperò tre titoli.

Cominciamo.